Fondi pensione, nei primi tre mesi del 2022 salgono gli iscritti ma rendimenti negativi

Le turbolenze che hanno investito i mercati nel primo trimestre dell’anno non hanno risparmiato le previdenza complementare: il rendimento è sceso del 3,4% per i fondi negoziali, del 3,6% per quelli aperti e del 3,5% per i Piani pensionistici individuali (Pip) nuovi. Crescono invece gli iscritti, arrivati a quota 8,9 milioni, e anche i contributi incassati, che fanno registrare un +3,4 per cento

Pensioni, il colpo di coda di Quota 100: nel 2022 già attese altre 36mila uscite

Inps ed Ufficio parlamentare del bilancio ipotizzano che, come lo scorso anno, il 79% di vecchie e nuove «giacenze» possa trasformarsi in pensionamenti anticipati effettivi. E, considerando le oltre 10mila domande già accolte con decorrenza 2022, le nuove uscite sostanzialmente sicure sarebbero già la metà delle 70-80mila stimate di qui al 2025 in aggiunta alle 380mila registrate a fine 2021